Menu

L’ECONOMIA CIRCOLARE HA UN IMPATTO POSITIVO SU PIL, OCCUPAZIONE, INVESTIMENTI E PRODUTTIVITÀ.





L’ECONOMIA CIRCOLARE HA UN IMPATTO POSITIVO SU PIL, OCCUPAZIONE, INVESTIMENTI E PRODUTTIVITÀ.



L’economia circolare ha un impatto positivo su PIL, occupazione, investimenti, produttività del lavoro oltre ai chiari e svariati benefici ambientali. È quanto emerso dallo studio “Circular Europe. Come gestire con successo la transizione da un mondo lineare ad uno circolare” realizzato dalla Fondazione Enel e The European House Ambrosetti in collaborazione con Enel e Enel X nell’ambito del Forum tenutosi nei giorni scorsi a Cernobbio.





Lo studio, oltre ad analizzare la situazione in Europa, ha stimato i benefici economici, sociali ed ambientali abbinati ad una transazione verso un modello di sviluppo circolare nell’UE e mostra come, nel 2018, la transizione verso un’economia circolare, oltre ad importanti benefici ambientali, generati grazie all’estensione del ciclo vita del prodotto e il riciclo, ha creato 300-380 miliardi di euro di Prodotto Interno Lordo in Europa (27-29 miliardi solo in Italia) e 200.000 nuovi posti di lavoro, solo nel nostro paese.





“Puntare allo sviluppo di un’Economia Circolare rappresenta una straordinaria opportunità per rendere l’Europa più competitiva, modernizzandone l’economia, rivitalizzando l’industria e creando al contempo occupazione attraverso una crescita sostenibile e duratura” il commento di Francesco Starace, CEO e General Manager di Enel.



CLICCA QUI PER LA RASSEGNA STAMPA COMPLETA



Lumicom

#LightForFuture